Pagine

Visualizzazioni totali

martedì 3 ottobre 2017

Ternana, 70 minuti per sferrare l'attacco al Brescia e riconquistare i tifosi


IL MESSAGGERO, Federica Liberotti - La Ternana di Sandro Pochesci torna in campo per cercare, nei 70 minuti rimasti del match contro il Brescia, di tornare a sorridere. Dopo le tre sconfitte consecutive rimediate con Virtus Entella, Bari e Venezia, l’ultima solo tre giorni fa, stasera per i rossoverdi si presenta l’occasione invertire la tendenza e ritrovare l’entusiasmo (e il gioco) perso strada facendo, grazie al recupero della partita contro i lombardi - reduci dalla vittoria contro il Perugia - sospesa il 19 settembre causa maltempo. «Giocheremo la partita come sempre, seguendo i nostri principi consapevoli di affrontare un avversario che attraversa un ottimo momento di forma. Dobbiamo ripartire da quel minuto del match con il Venezia in cui la squadra aveva ritrovato coraggio ed entusiasmo, anche e soprattutto per regalare una gioia alla nostra tifoseria e ripagarla per il sostegno costante che ci offre»: così mister Pochesci è tornato a spronare la squadra in vista della partita di stasera, che ripartirà dallo stesso minuto di sospensione, il 20’, e dall’esatta situazione di gioco che era in corso al momento dell’interruzione. Parole, quelle dell’allenatore, pronunciate non nella tradizionale conferenza stampa pre-partita - non convocata in considerazione dell’impegno ravvicinato all’ultima partita di sabato, ha spiegato la società - ma in un messaggio diffuso dal sito rossoverde. Decisione comunque in linea con l’ultimo post pubblicato dal mister sul suo profilo Facebook, in cui spiega di essere «in silenzio, perché in questo momento ho bisogno di scavare dentro di me». Ed infatti anche ieri ha chiesto «poche parole e tanti fatti. Non conterà il modulo - ha proseguito il mister nel messaggio diffuso dall’ufficio stampa - non conterà chi scenderà in campo o il momento che stiamo attraversando. Ricompattiamoci e combattiamo per ottenere ciò che vogliamo certi di essere all’altezza di questa piazza che merita una classifica diversa». Pochesci conferma dunque di non dare importanza a schemi di gioco e formazione, ma anche di questo bisogna parlare: probabile che questa sera il tecnico romano scelga di scendere in campo con la doppia punta, optando per il 4-3-1-2, con Bleve in porta (Plizzari convocato in nazionale Under19 dovrà saltare questa partita e quella contro la Cremonese di domenica), Valjent, Gasparetto, Signorini e Favalli (in alternativa Ferretti) in difesa, Defendi, Paolucci e Varone a centrocampo, Tiscione trequartista (ma al suo posto potrebbe esserci Tremolada) e la coppia Albadoro-Montalto in avanti (quest’ultimo uscito però dall’allenamento prima del dovuto per un problema alla caviglia sinistra). Ma ieri in rifinitura Pochesci ha provato ancora la difesa a tre, con una sorta di 3-5-2, con Valjent, Gasparetto e Signorini, poi Carretta, Varone, Paolucci, Defendi e Tiscione, in attacco ancora Montalto e Albadoro. Stasera sugli spalti, secondo quanto ha annunciato sabato, potrebbe sedersi per la seconda volta consecutiva il patron Bandecchi, che negli ultimi giorni è tornato a seguire molto attentamente la squadra: vuole anche lui la vittoria. Federica Liberotti

Nessun commento:

Posta un commento