Pagine

Visualizzazioni totali

lunedì 18 settembre 2017

Ternana, Paolucci contro l'Entella non avrebbe dovuto giocare

IL MESSAGGERO, ARTICOLO DI RICCARDO MARCELLI - Paolucci contro l'Entella non avrebbe dovuto giocare. Ad autodenunciarsi è stato lo stesso Sandro Pochesci che nel dopo partita ha dichiarato di aver ragionato più con il cuore che con la testa. Così il tecnico dovrà decidere se far esordire titolare Bordin o se trovare un'altra alternativa. Il centrocampista di scuola Roma, scrollatosi di dosso i timori per l'esordio, appare quello destinato a poter trasformarsi nel metronomo contro il Brescia. D'altra parte la società giallorossa lo aveva mandato da queste parti proprio per farsi le ossa dopo i positivi campionati disputati con la formazione Primavera.
Ma Pochesci ha vinto un'altra scommessa in questo scorcio di stagione, quella su Montalto, l'attaccante fortemente voluto in estate nonostante l'infortunio e che l'allenatore ha recuperato utilizzato pazienza e caparbietà. E l'attaccante lo ha premiato con il primo gol stagionale, frutto di un'azione corale che sta facendo esaltare le doti rossoverdi: Mai mollare e sempre a testa alta: vamos! è quello che ha scritto sul profilo Instagram con tanto di foto con l'esultanza sotto la curva. Un motivo di orgoglio perché ad un certo punto del calciomercato il calciatore rischiava pure di non essere tesserato. Dopo quella di Tiscione e Albadoro, un'altra storia a lieto fine. O meglio, a lieto inizio.
Se Bordin può considerarsi quasi una certezza, restano i dubbi per il modulo che il tecnico intende utilizzare domani sera. Difesa a tre o a quattro? Quasi sicuramente Valjent difficilmente tornerà a giocare a sinistra. Se lo slovacco non ha demeritato nella fase offensiva, in quella difensiva ha sofferto in maniera eccessiva sia contro l'Entella che ancor prima a Salerno. Quando gioca a sinistra, la Ternana soffre troppo, o meglio, rischia di commettere errori determinanti. Ecco allora che Pochesci potrebbe tornare a schierare la difesa a quattro, magari concedendo qualche minuto di riposo a Vitiello o in alternativa riproponendo Marino al centro della difesa. Appare probabile il rientro di Favalli sulla corsia di sinistra.
A centrocampo Defendi ed Angiulli appaiono in questo momento insostituibili, mentre in avanti Finotto e Albadoro potrebbero tornare ad essere le coppia di attacco anche se Montalto potrebbe insidiare il posto di quest'ultimo.
Ieri pomeriggio Pochesci ha fatto disputare una partitella ai calciatori non impegnati contro l'Entella; per gli altri lavoro defaticante. In gruppo Paolucci, Candellone  e  Ferretti,  mentre hanno svolto lavoro differenziato Zanon, Bombagi  e Gigli. «Paolucci l'ho fatto giocare anche se la scorsa settimana non si era allenato al cento per cento -sottolinea Pochesci- purtroppo ho utilizzato il cuore invece che la testa. Ho sbagliato». Ma difficilmente commetterà lo stesso errore due volte.
Il Brescia per la trasferta di domani, ha convocato venti giocatori. Sono rimasti a casa gli indisponibili Torregrossa, Coppolaro e Checchin. Tra di loro gli ex Furlan e Meccariello.
Riccardo Marcelli 

Nessun commento:

Posta un commento