Pagine

Visualizzazioni totali

mercoledì 20 settembre 2017

La serata di Biagio Meccariello raccontata dal Messaggero


ARTICOLO DE IL MESSAGGERO A FIRMA DI RICCARDO MARCELLI - «Ce semo mbriacati pe’ gniente». La decisione di non proseguire la partita, è stata presa all’unisono dall’arbitro Martinelli insieme ai capitani Caracciolo e Defendi. “La palla non rimbalza”, dicono ai compagni di squadra all’ingresso del tunnel per gli spogliatoi. Così la decisione corre via radio e qualche tifoso dall’orecchio fine la capta attraverso le frequenze degli steward anticipando l’uscita e soprattutto la conferma arrivata tramite lo speaker Enzo Racioppa che decreta la fine della serata calcistica. Così anche il presidente Stefano Ranucci con la sua signora sono costretti ad abbandonare lo stadio, passando per una corsia preferenziale. Insieme a loro qualche tifoso un po’ alticcio e dalla battuta pronta. «La partita –rivela Lorenzo Modestino addetto stampa della Ternana- è rinviata a data da destinarsi perché nelle gare infrasettimanali il regolamento non permette il recupero il giorno successivo». Così la Lega insieme alla Federazione dovranno decidere una data dove collocare il recupero. Ecco così che la cronaca di una storia bagnata va in archivio con un po’ di rammarico e, almeno sugli spalti, tanta ironia perché la bomba d’acqua i ternani l’aspettavano sabato scorso quando furono annullate, proprio per il timore di pioggia, le iniziative per la notte bianca. «Non ci sono più i Bernacca di una volta», commenta qualcuno tra il serio e il faceto cercando un riparo d’emergenza per non bagnarsi da capo a fondo. Un nubifragio così erano anni che non si vedeva da queste parti. Se in sala stampa non arriva nessuno, l’unico ad andare via triste è Biagio Meccariello. Il ritorno del difensore a Terni non è dei migliori. E non poteva essere altrimenti visto come è avvenuto il divorzio la scorsa estate. Fermo restando infatti la legittimità da parte di un professionista di effettuare scelte diverse, quello che non è stato metabolizzato, almeno da una parte della tifoseria, è il fatto che nell’operazione sia mancata un po’ di trasparenza. Così l’ex difensore rossoverde diventa, prima del nubifragio, bersaglio delle due curve organizzate. Il Mecca, comunque, aveva ricevuto attestati di stima nel pre-partita da parte degli amici di sempre. RiccardoMarcelli

Nessun commento:

Posta un commento